venerdì 23 dicembre 2011

esercizio 3: trova la frottola

L'articolo proposto di seguito contiene alcune delle più sconcertanti "verità", o delle frottole più  sfacciate, nelle quali mi sono imbattuto quest'estate. Siccome, fino a prova contraria (così funziona la ricerca storica), anche l'ipotesi più strampalata può essere sostenuta, vi invito a esaminare l'articolo per vedere se quelle che a prima vista, sembrano fantasticherie insupportabili siano invece delle ipotesi scientifiche degne.
Non fatevi influenzare dal pregiudizio negativo del vostro professore, ma cercate di analizzare in modo oggettivo  il contenuto dell'articolo. Come si fa: 
1. si divide l'articolo in"sequenze": si esamina pezzo per pezzo il "pezzo" e si isolano le tesi.
2. si verifica come le tesi sono collegate tra loro. 
3. si verifica quali argomentazioni (cioè quali spiegazioni) vengono portate per giustificare.
la fase 4 è la più complicata: è quella nella quale si verifica l'attendibilità dell'argomentazione.

Facciamo un esempio: un testo di storia sostiene, sulla base della Bibbia, che l'universo è stato creato in sette giorni tesi uno e che la Terra ha 7300 anni. Voi dovete nell'ordine:
1) distinguere le due tesi "l'universo è stato creato in sette giorni" (tesi uno); "La Terra ha 5300 anni" (tesi due)
2) vedere se le due tesi sono compatibili o già in contraddizione tra loro
3) andare a controllare se sulla Bibbia c'è davvero scritto così.

4) verificare se, su questo argomento, la Bibbia può essere considerata, oggi, una fonte "scientifica". 
Siccome le prove scientifiche dell'età della terra ci raccontano altro, possiamo facilmente falsificare il nostro testo e bollarlo come non scientifico o, anche, come frottola. Poi potete anche approfondire perché sulla Bibbia ci sia scritta una simile storia. trovare una risposta, spesso non esaurisce la ricerca, anzi, generalmente una risposta crea mille nuove domande. 


Ma ritorniamo al nostro articolo sul crocifisso misterioso. Possibile che un oggetto di culto così famoso abbia per secoli celato una beffa? Possibile che una giornale elegante come WhyMarche abbia dato voce a una congrega di pazzoidi? L'unico modo per risolvere il dubbio è studiare l'articolo e, poi, discutere, in classe, i contenuti. Per voi, che avete studiato di recente il testo argomentativo, non dovrebbe essere un esercizio difficile: è lo stesso lavoro che fanno i professori quando correggono i vostri temi. e se ci riescono  loro....

Trovate il nostro bell'articolo cliccando su questo link:


Nessun commento:

Posta un commento