Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2016

La vita è bella?

Siete nati nel 1999, quindi il dibattito intorno al film di Benigni "la vita è bella" non l'avete vissuto. Questa pagina vi può dare un'idea delle opinioni variegate che un film tanto spiazzante ha suscitato con la sua uscita.
http://www.deportati.it/filmografia_documenti/benigni_indice.html
Fino alla premiazione degli Oscar, che ha proiettato il film è il suo autore nella generale approvazione, in Italia, ve ne accorgerete leggendo, non sapevamo che pensare? È giusto parlare del male assoluto attraverso un'opera di intrattenimento? Perché il cinema è in ogni caso intrattenimento anche quando a muoversi non è un comico ma il più autore di tutti registi, Steven Spielberg

Testo argomentativo sul Decameron

"“Il Decameron fissa un livello stilistico tale per cui le novelle, ossia racconti realistici, diventano un puro intrattenimento, degno di un pubblico di aristocratici e di uomini colti"
Composizione guidata:

La tesi di Auerbach afferma due cose: che il Decameron era apprezzato da un pubblico colto e che per la prima volta un pubblico colto apprezzava il genere della novella (che è l’antesignana dei moderni romanzi). Per validare la tesi, in questo saggio ci si concentra su tre argomenti:
1) Lo stile 2) I narratari 3) L’atmosfera della cornice

1.1 Riguardo al livello stilistico si può dire che il Decameron è..:

1.2 Lo stile di Boccaccio è…… (si parla delle simmetrie nella struttura, ordine delle parole della frase… i periodi e si fanno esempi)

1.3 Il ruolo della prosa nel Trecento… (Era per specialisti. Fare esempi di opere in prosa: de Vulgari eloquentia, prosa scientifica o teologica in latino vista all’inizio dell’anno, libri di Storia p.243)

1.4 Il ruolo…